Questo sito contribuisce alla audience di Agrodolce

Mafalda siciliana

    • Cottura
    • Minuti
    • Porzioni
    • 6
    • Costo
    • Basso
    • Difficoltà
    • Bassa

Oggi sono troppo contenta di mostrarvi la mafalda siciliana, un pane tipico siciliano preparato con la semola di grano duro che ha la prerogativa di avere una crosta leggera e croccante e la parte interna molto soffice e poco “panosa”. Le mafalde sono un tipo di pane leggerissimo che ben si presta ad essere farcite. Come si dice da noi a Palermo: “La morte della mafalda è con la mortadella!” 😀 nel senso che, per gustare al meglio questo leggero e friabile panino, non vi è niente di meglio che farcirlo con delle fette di mortadella tagliate a “velo”, devono essere quasi trasparenti in maniera tale che adagiandole all’interno della mafalda ancora tiepida “sudino” un po’ 😉 Non so se a parole  ho reso la bontà di questo panino! 😀 Non vi dico la mia felicità quando ho visto la ricetta della mafalda siciliana di Sara Papa. All’inizio ero un po’ dubbiosa, pensavo che non era possibile riprodurre in casa una tale bontà… e invece sì, posso assicurarvi che il procedimento è facilissimo e il risultato è perfetto al primo tentativo. Certo, mi sarebbe piaciuto prepararlo con il mio lievito madre ma non è ancora pronto e, a dire il vero, mi sta facendo penare un po’… domani vi racconto meglio! Adesso vi lascio alla mafalda siciliana e mi raccomando, non perdetevela con la mortadella! 😀


Come preparare la mafalda siciliana

Per preparare delle mafalde leggerissime dunque ben lievitate è importante cominciare dalla biga. Nel recipiente dell’impastatrice mettete la semola di grano duro. Al centro versate il lievito disidratato, un pizzico di zucchero ed un pochino di acqua dei 70 ml che aggiungerete in seguito.

Fate rinvenire il lievito per un paio di minuti poi, azionate l’impastatrice e aggiungete il resto dell’acqua. otterrete un impasto morbido. lavoratelo con le mani, dategli una forma rotonda, rimettetelo nel recipiente della planetaria, copritelo con la pellicola trasparente e lasciatelo lievitare fino a quando non triplica il suo volume (2- 3 ore, dipende dalla temperatura esterna).

Quando l’impasto sarà triplicato, aggiungete l’altra semola di grano duro, il resto del lievito, azionate la macchina ed aggiungete l’acqua a filo e l’olio d’oliva.

biga e impasto

Quando l’impasto avrà assorbito tutta l’acqua e comincerà ad attaccarsi al gancio, aggiungete il sale e lasciate lavorare l’impasto per un paio di minuti fino a quando non risulterà liscio ed omogeneo.

aggiungere sale

Lavoratelo con le mani, dategli una forma rotonda e rimettetelo a lievitare per altre 3 ore circa… deve triplicare di nuovo il suo volume.

seconda lievitazione

Quando l’impasto sarà pronto, versatelo sulla spianatoia e lavoratelo un po’ con le mani per sgonfiarlo. Dividete l’impasto in 6 porzioni da 90 gr. circa.

sgonfiare impasto e dividerlo in porzioni

Se volete preparare delle mafalde grandi, la pezzatura è di 250 gr.

Lavorate ogni pezzo di impasto con le mani e dategli la forma di un serpentello di 60 cm circa.

Prendete un’estremità del serpentello e dategli la forma di una serpentina. Al terzo anello, adagiate la parte finale sulla serpentina.

realizzare serpentello e fare mafalda

La vostra mafalda è pronta, rendete la con l’aiuto di una spatola per pane e adagiatela su una teglia rivestita di carta forno.

Una volta realizzate tutte le mafalde, spennellatele con dell’acqua e ricopritele di semi di sesamo.

aggiungere semi di sesamo

In alcune ricette ho visto che consigliavano di ribaltare la mafalda sui semi di sesamo ma vi assicuro che è più complicato e che non è assolutamente necessario. I semi di sesamo restano attaccati anche come ho fatto io.

Coprite la teglia con la pellicola e lasciate lievitare le mafalde per un’altra ora.

coprire mafalde e lasciare lievitare

Preriscaldate il forno a 230 C e quando sarà caldo infornate le mafalde.

mafalde pronte da infornare

Dopo 15 minuti, abbassate la temperatura a 200 C e proseguite la cottura per altri 15 minuti.

Sfornate le mafalde e lasciatele intiepidire.

mafalde siciliane cotte

Le mafalde sono ottime tiepide e si mantengono croccanti per un paio d’ore.

mafalde siciliane pane ricetta

Se volete conservarle, vi consiglio di congelarle quando sono ancora fragranti.

mafalda siciliana ricetta

Ti è piaciuta la ricetta? Condividila…



Ricette Correlate

  • Porzioni : 1
  • Tempo di Cottura : 30 Min
pane di castagne

Pane di castagne

Il pane di castagne è un pane della tradizione calabrese, u...

  • Porzioni : 8
pane pita ricetta

Pane pita

Il pane pita è il tipico pane greco, un pane piatto dalla c...

  • Tempo di Cottura : 20 Min
danubio salato

Danubio salato

Come vi avevo promesso eccovi il danubio salato, una torta s...

  • Tempo di Cottura : 30 Min
rose di pane alle olive

Rose di pane alle olive

Queste rose di pane le ho preparate con il pate’ di ol...

  • Tempo di Cottura : 60 Min
pane con farina integrale

Pane integrale

Questo pane integrale l’ho preparato l’altro gio...

  • Porzioni : 9 pagnottelle
  • Tempo di Cottura : 30 Min
pagnottelle di grano duro

Pagnottelle di grano duro

Queste pagnottelle sono la mia prima ricetta del pane fatto ...

6 Risposte a Mafalda siciliana

  1. Marco 9 settembre 2016 alle 09:20 #

    Ciao ma tu parli di lievito di birra disidratato… quindi intendi quello a granuli in bustina tipo Mastro….. ?

    • Maria Bonaccorso 9 settembre 2016 alle 10:32 #

      Ciao Marco, sì, ho utilizzato quello disidratato in bustina ma se vuoi puoi utilizzare del lievito di birra o del lievito madre, basta cambiare le quantità!

      • Marco 9 settembre 2016 alle 11:55 #

        ok grazie, ma non sembrano un po troppi 3 gr. disidratato ( quindi circa 10 gr. di quello in panetto ) per soli 100 gr. di semola per fare la biga ?

        • Maria Bonaccorso 10 settembre 2016 alle 08:31 #

          Tieni conto che in totale sono 5 gr di lievito disidratato (circa 17 gr di lievito di birra) per 350 gr di farina… non sono pochi a neanche tantissimo. Se vuoi, cmq, puoi diminuire la dose di lievito e far lievitare più a lungo l’impasto

  2. Emanuela 12 ottobre 2016 alle 12:49 #

    Ciao, allora non ho capito nemmeno io la ricetta perché porta in totale 5 gr di lievito e 250 gr di farina….. poi vedo scritto qui sopra 1 kg di farina….. Non ci capisco niente…..

    • Maria Bonaccorso 12 ottobre 2016 alle 13:49 #

      Ciao Emanuela, gli ingredienti sono quelli elencati nella ricetta 😉 Quanto al commento di risposta a Marco c’è stato un’errore, era la risposta ad un’altra domanda… anzi, ora lo correggo 😀

Lascia un commento