Questo sito contribuisce alla audience di Agrodolce

Riso Basmati

    • Cottura
    • Minuti
    • Porzioni
    • 2
    • Costo
    • Basso
    • Difficoltà
    • Bassa

Il riso basmati è una varietà di riso indiano dai chicchi lunghi e sottili e dalla fragranza ineguagliabile. Il riso basmati viene coltivato per lo più in India e Pakistan ma è ormai diffuso e apprezzato in tutto il mondo. Il riso basmati viene cucinato in bianco e viene servito come accompagnamento di carni, pesce e verdure.

Certo, per noi occidentali abituati ad un riso dal chicco corposo e robusto è molto importante imparare a cucinare questa varietà di riso così diversa dalle nostre; solo così è possibile apprezzarlo al meglio!

Io adoro il riso basmati e da quando ho imparato a cucinarlo accompagna spessissimo i miei piatti, soprattutto i secondi piatti di carne in umido.

Procedimento per cucinare il riso basmati

Pesare il riso basmati

Il riso basmati va misurato con una tazza in quanto la quantità d’acqua necessaria per la sua cottura è in genere 1 tazza e mezza d’acqua per una tazza di riso.

Lavaggio del riso basmati

A differenza del riso occidentale, il riso basmati necessita di lavaggio prima della sua cottura. Sciacquatelo dunque per bene sotto l’acqua fin quando non avrà buttato tutto l’amido in superficie e l’acqua comincerà ad uscire limpida.

Messa a mollo del riso basmati

Quando l’acqua esce pulita, mettete il riso basmati in una ciotola con dell’acqua pulita e lasciatelo in ammollo per 30 minuti circa.

ammollo-riso-basmati

Cottura riso basmati.

Prendete una casseruola (meglio se piccola altrimenti l’acqua evapora troppo velocemente) e versateci l’acqua.

Non appena l’acqua comincia a bollire buttateci dentro il riso lavato e sgocciolato ed aggiungete una presa di sale ed  1 filo d’olio evo (serve ad avere dei chicchi più lucidi).

cucinare-riso-basmati

Non appena l’acqua riprende bollore abbassate la fiamma, coprite la casseruola con un coperchio lasciando però uno spiffero per far uscire i vapore.

coprire-riso-basmati

Trascorsi dieci minuti spegnete la fiamma e coprite bene il riso con il coperchio.

Lasciatelo riposare coperto altri 10 minuti poi sgranatelo con la punta della forchetta e servitelo.

riso-basmati

N.B.: naturalmente, esistono diverse qualità di riso basmati che possono differire nei tempi di cottura. Vi consiglio dunque di provare la prima volta e di correggere il tiro a seconda del vostro riso basmati.

Ti è piaciuta la ricetta? Condividila…



Ricette Correlate

  • Porzioni : 2
  • Tempo di Cottura : 20 Min
riso basmati con gamberetti

Riso basmati con gamberetti

Se, come me, adorate il riso basmati, proprio non potete per...

  • Porzioni : 2
  • Tempo di Cottura : 15 Min
riso all'orientale

Riso all’orientale

Il riso all’orientale è un’altra di quelle ricette con ...

  • Porzioni : 4
  • Tempo di Cottura : 10 Min
riso alla cantonese

Riso alla cantonese

Il riso alla cantonese è, insieme agli involtini primavera,...

  • Porzioni : 2
  • Tempo di Cottura : 10 Min
riso-basmati-con-verdure.jpg

Riso basmati con verdure

Questa ricetta del riso basmati con verdure e spezie l’h...

  • Porzioni : 2
  • Tempo di Cottura : 20 Min
riso basmati con pollo e curry

Riso basmati con pollo e curry

Questo riso basmati con pollo e curry è la versione ricca d...

  • Porzioni : 2
  • Tempo di Cottura : 20 Min
riso basmati al curry

Riso basmati al curry

Il riso basmati al curry è una pietanza molto saporita che ...

3 Risposte a Riso Basmati

  1. antonella 28 gennaio 2012 alle 11:37 #

    io il riso basmati non lo lavo e non lo ammollo. mi piacerebbe sapere se con la tua versione viene diverso e perchè

  2. maria 28 gennaio 2012 alle 15:26 #

    Ciao Antonella! Praticamente il lavaggio toglie l’amido in eccesso e fa’ sì che i chicchi restino separati e integri. Inoltre devo dire che in questo modo si sprigiona ancora di più il sapore…. prova e vedrai! 😉

  3. Giulia 16 gennaio 2013 alle 17:43 #

    Il riso basmati è facile da trovare in commercio? Si trova in tutti i supermercati di Genova?
    Purtroppo qui non c’è ancora l’Esselunga, sig, sig!! 🙂

Lascia un commento