Zuppa d’orzo perlato alla Trentina

    • Preparaz.
    • Minuti
    • Cottura
    • Minuti
    • Porzioni
    • 4
    • Costo
    • Basso
    • Difficoltà
    • Bassa

La ricetta della zuppa d’orzo perlato alla trentina è la mia prima ricetta del 2012 nella speranza che possiamo depurarci un po’ dopo queste feste mangerecce!

La ricetta l’ho presa dal programma di Laura Ravaioli che l’ha proposta proprio poco tempo fa’. Adoro le zuppe ma non avevo mai usato l’orzo perlato e così ho deciso di provare.

L’orzo perlato è un cereale che viene utilizzato soprattutto nella preparazione di zuppe e minestre ma che può essere utilizzato anche nelle insalate, nei ripieni, per fare le polpette e via dicendo.

La zuppa d’orzo alla Trentina è’ una zuppa molto leggera fatta con patate, carote, scalogno, zucchine e resa sapida dalla presenza dello speck. Devo anche dire che a differenza di tante altre zuppe, la zuppa d’orzo alla trentina è anche molto bella da vedere, molto raffinata… insomma, perfetta per ricominciare con il piede giusto! Buon 2012 a tutti voi!!! 😀


Come preparare la zuppa d’orzo alla trentina

Il procedimento per preparar la zuppa d’orzo alla trentina è molto semplice, ci vuole soltanto un pochino di pazienza per pulire e tagliare gli ortaggi necessari.

Ricordate che la cosa più importante è che tutti gli ingredienti abbiamo più o meno la stessa grandezza in maniera tale che la cottura sia omogenea.

Per prima cosa sciacquate l’orzo perlato sotto l’acqua avendo cura di metterlo in un setaccio e poi lasciatelo immerso nell’acqua durante il tempo in cui preparerete gli ortaggi.

orzo-perlato

Prendete la fetta di speck e tagliatela a listarelle sottili.

speck

Pulite il porro e tagliatelo a rondelle sottili.

porro

Pulite la cipolla e tagliate anch’essa a mezzelune sottili.

Pelate le carote, tagliatele a metà nel senso della lunghezza e tagliatele a mezzelune sottili.

carote

Pelate le patate, sciacquatele, tagliatele a fette, incidete ogni fetta più volte in verticale e tagliate in maniera tale da ottenere tanti piccoli pezzetti.

tagliare-patate

patata-a-pezzetti

Spuntate le zucchine genovesi delle loro estremità, tagliatele in due nel senso della lunghezza e poi ancora una volta. Affettatele sottilmente.

zucchine

tagliare-zucchine

Per quanto riguarda il sedano, trattandosi di una zuppa, potete utilizzare le coste esterne. Private le coste delle foglie e poi con l’aiuto di un pelapatate togliete i filamenti al sedano (potete farlo anche con un coltello). Tagliate il sedano a piccoli pezzetti.

sedano

tagliare-sedano

Una volta pronti tutti gli ingredienti, metteteli in una pentola, ricopriteli con dell’acqua e mettete la pentola sul fuoco.

Aggiungete l’orzo perlato, 1 spicchio d’aglio tritato e il mazzetto di prezzemolo lavato, asciugato e tritato finemente.

Aggiungete il sale e lasciate cucinare il tutto per 30 minuti circa.

cucinare-zuppa-dorzo

Servite la zuppa d’orzo perlato alla trentina con un filo d’olio a crudo e del pepe nero macinato al momento.

zuppa-orzo-perlato

 

Ti è piaciuta la ricetta? Condividila…



Ricette Correlate

  • Porzioni : 4
  • Tempo di Cottura : 30 Min
tonno_imbottito_e_orzo_perlato

Tonno imbottito e orzo perlato

Qualche giorno fa’ ho preparato il tonno imbottito alla s...

Orzo perlato

L’orzo perlato è un derivato dell’orzo che viene otten...

  • Porzioni : 4
  • Tempo di Cottura : 30 Min
zuppa di broccoli

Zuppa di broccoli

Questa zuppa di broccoli (“sparacelli” in sicil...

  • Porzioni : 2
  • Tempo di Cottura : 20 Min
zuppa di patata e bietole

Zuppa di patate e bietole

La zuppa di patate e bietole è una zuppa perfetta per chi v...

  • Porzioni : 2
  • Tempo di Cottura : 30 Min
zuppa di zucchine

Zuppa di zucchine

Questa zuppa di zucchine è quanto di più semplice e veloc...

  • Porzioni : 2
  • Tempo di Cottura : 40 Min
minestrone di verdure

Minestrone di verdure

Il minestrone di verdure è uno dei piatti classici della cu...

2 Risposte a Zuppa d’orzo perlato alla Trentina

  1. aldo 2 luglio 2017 alle 10:11 #

    A metà cottura io ci aggiungo del latte
    aldo

    • Maria Bonaccorso 3 luglio 2017 alle 11:27 #

      Grazie per il tuo contributo…

Lascia un commento