Questo sito contribuisce alla audience di Agrodolce

Riso | Origini e lavorazione

Il riso, anche detto Oryza sativa, è una pianta erbacea della famiglia delle Graminacee di origine asiatica ed insieme alla Oryza glaberrima (coltivata in Africa e dal pericarpo rosso) è una delle due specie di piante da cui si produce il riso.

L’Oryza sativa rappresenta, comunque, il 95% della produzione mondiale di riso.

Ne esistono 3 sottospecie:

  • Indica, tipica dei climi tropicali, alto valore di mercato, cariosside lunga e sottile, produttività media e coltivata in India, Cina Meridionale, Filippine, USA meridionale, Italia;
  • Japonica, tipica dei climi temperati, produttività alta, cariosside corta e arrotondata, basso valore di mercato, coltivata in Giappone, Corea, Cina settentrionale, Brasile, USA, Egitto, Italia;
  • Javanica, di minore importanza.

La Japonica è la sottospecie maggiormente coltivata in Italia e si suddivide, a sua volta, in 4 tipologie:

  • risi comuni
  • risi semifini
  • risi fini
  • risi superfini

Il riso ha origini antichissime, pensate che i cinesi cominciarono a coltivarlo per scopi alimentari già nel VI millennio a.C..

riso_origini_e_lavorazione

La lavorazione del riso

In ambito gastronomico, con il termine riso viene indicata la cariosside ovvero il frutto-seme della pianta Oryza sativa.

La cariosside del riso appena raccolta (operazione di mietitura) viene detta risone o riso grezzo. Quest’ultimo viene lavorato tramite operazioni atte a liberarlo dalle parti tegumentali: la pula o lolla.

Tre sono le fasi di lavorazione del riso grezzo: sbramatura, sbiancatura, brillatura.

La “sbramatura” viene eseguita con due dischi orizzontali rivestiti di materiale abrasivo; quello superiore è stazionario mentre quello inferiore è in rotazione. In tal modo, il chicco perde le glume e le glumelle che costituiscono la pula.

La “sbiancatura” è il passaggio effettuato nelle sbiancatrici, macchine costituite da coni rotanti in griglie coniche. Lo sfregamento sia tra i chicchi stessi sia con le superfici ruvide delle griglie, determina l’eliminazione della pellicola interna, quindi i suoi strati più periferici e il germe. Il prodotto di questa operazione è il riso bianco.

La “brillatura” compiuta in macchinari simili alle sbiancatrici ma a coni rivestiti con strisce di cuoio al fine di rendere il chicco più bianco e levigato. Il riso così ottenuto è noto come lavorato o raffinato. Esso viene infine selezionato e confezionato.

Vai alla categoria Riso e Risotti 



Ti potrebbero anche interessare...

  • Porzioni : 4
  • Tempo di Cottura : 15 Min
come fare l'insalata di riso classica

Insalata di riso classica

L’insalata di riso classica è un must dell’estate, del ...

  • Porzioni : 4
  • Tempo di Cottura : 25 Min
riso_per_sushi

Riso per il sushi

Oggi vediamo insieme come cuocere il riso per il sushi è ...

Riso Venere

Il riso Venere è un tipo di riso nero dai chicchi picco...

  • Porzioni : 2
  • Tempo di Cottura : 20 Min
riso basmati con pollo e curry

Riso basmati con pollo e curry

Questo riso basmati con pollo e curry è la versione ricca d...

  • Porzioni : 2
  • Tempo di Cottura : 20 Min
riso basmati al curry

Riso basmati al curry

Il riso basmati al curry è una pietanza molto saporita che ...

  • Porzioni : 2
  • Tempo di Cottura : 10 Min
riso-basmati

Riso Basmati

Il riso basmati è una varietà di riso indiano dai chicchi ...

Nessun commento.

Lascia un commento