Marmellata di uva fragola

Oggi vi do la ricetta della marmellata di uva fragola, una delle confetture più buone che abbia mai mangiato! Sì, lo so che lo dico spesso ma le marmellate fatte in casa senza pectina, con ingredienti buoni e poco zucchero, sono così buone! 😀

Questa marmellata di uva fragola mancava all’appello e ho voluto rimediare subito! Devo dire che il profumo che si diffonde in casa mentre la si prepara è qualcosa di eccezionale e poi, questa confettura di uva fragola ha un gusto ed un colore bellissimo!

Io l’ho preparata con poco zucchero ma, se volete, potete prepararla anche senza zucchero, aggiungendo una mela per farla addensare.

Per il resto, che dire, questa marmellata è perfetta da spalmare sul pane al mattino, per farcire una crostata, per rendere speciale muffins e plumcake e anche per accompagnare i formaggi freschi. Provate e ditemi cosa ne pensate! 😉

Leggi anche la ricetta Marmellata di fragole senza zucchero

NOTA: è importante ricordare che preparare le marmellate con poco zucchero o senza zucchero le rende meno caloriche ma più facilmente deteriorabili. Quindi, se volete preparare un prodotto a lunga conservazione, non usate mai meno di 500 gr di zucchero per 1 kg di frutta.

Procedimento

E adesso vediamo insieme il procedimento per preparare la marmellata di uva fragola con e senza zucchero.

Come fare la marmellata di uva fragola

Prendete l’uva fragola e staccate gli acini dal raspo.

staccare acini e lavarli

Lavate i chicchi d’uva e asciugateli con un panno di cotone.

lavare uva

Versate i chicchi d’uva fragola in un pentolino, mettetelo sul fuoco e fate ammorbidire gli acini.

mettere acini d'uva in un pentolino

Quando gli acini d’uva risulteranno morbidi, versateli nel passaverdure e passate il tutto.

passare acini d'uva

In questo modo vi sbarazzerete facilmente dei semini presenti nell’uva fragola 😀

Versate il succo d’uva ottenuto di nuovo nel pentolino e aggiungete lo zucchero.

versare succo nel pentolino e aggiungere zucchero

Mescolate e lasciate addensare la marmellata mescolando di frequente.

Quando vedrete che la marmellata comincia ad addensarsi, versate un cucchiaino di marmellata su un piattino da caffè e mettetela in freezer per 2 minuti.

Se, trascorso questo tempo, la marmellata è densa vuol dire che è pronta. Nel caso contrario, tenetela ancora sul fuoco.

Una volta pronta, versate la marmellata di uva fragola nei vasetti sterilizzati, chiudeteli e capovolgeteli.

Lasciate raffreddare i vasetti e poi conservateli in dispensa.

Io ne ho preparata solo un pochino quindi l’ho versata in una ciotola e conservata in frigo. Credo proprio che la userò molto presto! 😉

mettere marmellata nei vasetti

Se volete preparare la marmellata di una fragola senza zucchero ecco come fare.

Marmellata di uva fragola senza zucchero

Quando mettete gli acini d’uva fragola nel pentolino, aggiungete una mela lavata e tagliata a pezzetti con tutta la buccia.

Mettete il pentolino sul fuoco e lasciate ammorbidire il tutto.

Passate al passaverdure, versate il succo di nuovo nel pentolino e lasciate addensare.

In questo modo, grazie al potere addensante della mela con la sua buccia non dovrete aggiungere né zucchero né pectina.

marmellata di uva fragola

Condividi la ricetta:





Categorie: , , , ,

Ricette Correlate:


Commenti

2 risposte a “Marmellata di uva fragola”

  1. lo zucchero funziona da conservante. Se non lo usi nelle giuste dosi rischi di trovarti un prodotto avariato e potenzialmente pericoloso dopo poco tempo!!! Attenta a quello che pubblichi!

    1. Avatar Maria Bonaccorso
      Maria Bonaccorso

      Grazie per il tuo contributo Carla. Certo che lo zucchero funge da conservante ma è anche vero che in base alla quantità di zuccheri presenti nella frutta possiamo permetterci il lusso di diminuire le dosi di zucchero aggiunto. Quanto alla pericolosità, l’unica cosa che può succedere ad una marmellata di frutta è che si formi della muffa in superficie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vota la ricetta